sowandcrop

all around greens


Lascia un commento

Erbacce perenni e impollinatori.

Da attainable-sustainable.net by Kris Bordessa

perennials
Plant echinacea to attract bees.

Echinacea
Also known as coneflower, you might be more familiar with echinacea as a health supplement. Turns out, that supplement is made from this plant that sports gorgeous pink blossoms. More on how to grow echinacea here.

Plant cranesbill geraniums to attract pollinators.

Cranesbill Geranium
This is not the neon-bright geranium your grandma used to grow. Cranesbill geraniums are a delicate looking, low-growing perennial that flower in the pink and purple range.

Grow mint to attract honey bees.

Mint
While humans are generally more interested in the leaves of mint, the flowers are desirable to bees. Mint can be invasive, though — be sure to plant it in an area where it can run rampant or in a pot where it will remain contained.

Plant scabiosa to attract bees.

Scabiosa
This low growing perennial attracts pollinators with purple or pink flowers that seem to float above the leaves on long stems. They’re a great cut flower, too — just be sure to leave some for the bees and butterflies.

Plant salvia to attract pollinators.

Salvia
There are both annual and perennial varieties of salvia. They’re all great for attracting bees, but if you choose a perennial variety you’ll enjoy the benefits for many seasons.

Plant bee balm to attract pollinators.

Monarda
Commonly known as Bee Balm, Monarda is a member of the mint family. In addition to attracting pollinators to your garden, Monarda can be used to flavor drinks and is used medicinally. There are both annual and perennial varieties of bee balm and many different types of flowers.

Plant thyme to attract bees.

Thyme
You know this as a go-to herb in your spice cupboard, but the small flowers on thyme are very attractive to bees. Thyme grows low; try the variety “Mother of Thyme” for a great ground cover that will make the bees happy and be useful to you as well.

Plant lavender to attract bees.

Lavender
You know it for its fragrance; bees love it for the flowers. The flowers differ in shape from variety to variety, but all are attractive to honey bees. Lavender is also considered a culinary herb and can be used to flavor some of your kitchen creations.

Plant aster to attract bees.

Aster
There are many, many varieties of aster to choose from. The star-shaped flowers come in purples, pinks, and whites and often bloom in the fall, making it a great nectar source when many springtime flowers have stopped blooming.

Plant yarrow to attract pollinators.

Yarrow
Grown for its many medicinal benefits, the flat flower clusters of yarrow are a favorite landing spot for butterflies as well as bees. It’s a low maintenance perennial that tolerates heat and drought well, too.


2 commenti

Bilancio stagionale.

La stagione di grande produzione è ormai volta al termine, a aprte alcune coltivazioni autunno-invermali ormai i giochi sono fatti e si pensa già a riorganizzare e programmare il lavori per la prossima avventura.

Nonostante il tempo metereologico favorevole di quest’estate con i suoi 18-20 gradi di notte, poca umidità, sole caldo durante il giorno e poche precipitazioni, il bilancio produttivo non è stato dei migliori.

A ragionarci su credo che siano state le basse temperature di fine aprile primi di maggio, con addirittura brinate e temperature attorno allo zero, le responsabili di ciò.

Non tanto per un danno diretto alle coltivazioni, si può sempre ripartire con i nuovi semenzai e avere comunque piante produttive. Il danno lo hanno ricevuto gli insetti. In questi ultimi anni non sono stati risparmiati da nulla: prodotti chimici sui frutteti, scomparsa gradule ma progressiva di specie spontanee e autoctonee necessarie al loro ciclo vitale, introduzione di piante non indigene a scopo ornamentale, e non, che hanno spodestato la nostra flora, comparsa di nuove specie con cui competere per territorio e alimentazione, minor numero di apicoltori…….

Insomma tutto sembra aver congiurato contro di loro.

Ma se da un lato il cavolo ha subito meno danni da parte dell’altica, le cimici si sono presentate a ranghi decisamente ridotti, il mais è stato graziato così come i peperoni dai tanto cari bruchi, la dorifora ha fatto le valige, e le patologie fungine si presentano a dannegiar ormai solo più le riserve,……

…….gli zucchini, le zucche, i cetrioli, i meloni, le solonacee tutte……hanno risentito notevolmente della mancanza degli insetti…… quelli buoni!

Api mellifere, api solitarie, bombi, e compagnia ronzante sono stati un evento raro ed eccezzionale.

Le notti d’estate senza lucciole, i roseti senza pattuglie in rosso a pois neri e il finocchio selvatico senza bruco di Macaone…… non sono molto rassicuranti.

Nonostante abbia allestito per la prima volta un aiuola di 18 x2 metri con solo fiori per gli impollinatori con tanto di abbeveratoio……. adesso i ‘Teddy bear’ sono spogli, la menta orfana  e le zinnie volgono al termine senza aver dato fondo a pieno alle prorpie risorse…….

che il 2014 sia l’anno dell’insetto impollinatore…….. e quest’inverno razioneremo le scorte e valuteremo le erbe spontanee fino all’arrivo dei primi freddi……

DSCF0120         DSCF0186


Lascia un commento

Rudbekia.

It’ an herbaceous, annual or perennial plant belonging to family of Asteraceae.

Kwown as coneflower or blak-eyed susan, it shows in summer its golden daisy flowers.

They are an attraction for bees and pollinetors. I have decide to grow them near my veggie garden to recall useful insects and improve pollination of veggies as squashes, melons, cucumbers and pumpkins, that otherwise don’t product their wonderful fruits.

Try to seed rudbekia in early spring or divide your plant in autumn if it is perennial.

 

DSCF0046 DSCF0045


Lascia un commento

Humulus lupulus.

Luppolo comune, Ligaboschi – English name: Hop, Common hop – French name: Houblon – German name: Hopfen

E’ una pianta perenne e dioica (cioè esiste la pianta maschile e quella femminile ben distinte), la sua radice è costituita da un rizoma carnoso e ramificato, quasi elastico, marrone e staernamente e biancastro nel suo interno.

In primavera i nuovi fusti emergono dal terreno (possono raggiungere anche i 7 metri) , ed essendo incapaci di rimanere eretti si avvinghiano a tuto ciò che li circonda rimanendovi ancorato grazie alle ‘spine’ che ricoprono i suoi tralci.

Le foglie sono dotate di picciolo, portate opposte e divise in lobi ellittici con margine dentellato.

I fiori maschili sono raggruppati in pannocchie pendule, provvisti di cinque petali biancastri, all’apice dei rami, mentre i fiori femminili  sono posti a due a due, all’ascella di brattee fogliacee  riunite  a formare i ben noti  coni ovoidali.

Il frutto  detto Achenocono è formato da piccoli frutti di circa 3 mm, circondati dalle brattee che hanno assunto una consistenza cartacea sulla cui superficie si trovano numerose ghiandole secernenti una sostanza resinosa giallastra.

Si trova comunemente nei boschi umidi, fossi, incolti, siepi dove l’ambiente risulta fresco e il terrenoi fertile.

Dal latino Humus = terra ricca di sostanze organiche (=humus) e lupulus = lupo probabilmente per sottolineare il suo portamento e selvaggio.

Ha proprietà sedative sulla sfera nervosa e sessuale e del climaterio grazie ai principi attivi quali resina (contenente ululone) olio essenziale (mircene e umulene) e fitoestrogeni.

Appartiene alla stessa famiglia della Cannabis e presenta anch’essa effetti soporiferi e calmanti.

Aneddotti storici: si dice che chi lavorava nelle vecchie fabbriche di birra, accusava sonnolenza ed era obbligato a sospoendere il proprio lavoro periodicamente per evitare di addormentarsi.

Nell’antico Egitto e all’epoca Romana in Europa, il luppolo veniva usato per curare le malattie del fegato, i disturbi digestivi, alcune malattie femminili e come purificante del sangue.

Ancora oggi i giovani getti primaverili sono cucinati nella tradizionale frittata di Pasquetta.

Le infiorescenze femminili essiccate (i coni) vennero utilizzate nella preparazione della birra solo dal XIII secolo da Gambrinus, leggendario Re della Birra.

DSCF0103 DSCF0102 DSCF0105DSCF0011 DSCF0165