sowandcrop

all around greens

LAVORI MESE DEFINITIVO

Lavori di Dicembre.

Lascia un commento

LAVORI MESE DEFINITIVO

Dicembre…finalmente il riposo e non solo per il nostro orto o frutteto ma anche per noi.

Le fredde giornate di dicembre invogliano più a rimanere davanti al camino con una bella tisane calda a pianificare la prossima stagione produttiva che ad uscire tutti imbacuccati per provvedere agli ultimi lavori che ci permetteranno di partire con il piede giusto appena la stagione ce lo permetterà.

Sicuramente si deve provvedere alla manutenzione di tutti gli attrezzi che abbiamo e che ci serviranno pronti e scattanti a primavera. Manici da sostituire, ingranggi da oliare, lame da affilare ma anche, se presenti, verificare le strutture: serre, recinzioni, vialetti, aiuole sopraelevate, compostiera e tutto quello che fa parte del nostro orto-frutteto. Inventariare vasi e concimi per semenzaio, quantità di compost pronto e non.

Il terreno rimasto libero dalle coltivazioni non deve rimanere nudo alle intemperie invernali che lo dilaverebbero e impoverirebbero inutilmente. Se non decidiamo per una coltura da sovescio (con senape, phacelia o trifoglio) allora coppriamolo con una spesso starto di pacciamatura che interreremo  appena il clima lo permetterà, dopo aver rimosso gli scarti vegetali più grossolani che andranno nella compostiera.

Magari prima vangatelo e poi copritelo così la struttura si “rompe” e arricchisce in profondità.

Si raccolgono gli ultimi cavolfiori, cavoli, verze precoci, porri, carote, radicchi, lattughe invernali, insalate da taglio, cavolini di Bruxelles, cardi imbiancati, indivia belga, sedano, costa, cavolo nero e tapinambur.

Se il vostro clima ve lo consente, avete ancora la possibilità di seminare radicchio, fave, piselli, lattuga invernale e rucola.

Se c’è rischio di forti gelate coprite le colture con TNT (tessuto non tessuto), avendo però cura se le giornate sono molto calde di aprire le coperture ed evitare sbalzi termici notevoli alle piante.

Nel frutteto si raccolgono gli ultimi cachi (o kaki) e kiwi, prima che le gelate li rovinino portandoli a marcire. Nel caldo sud è tempo di agrumi.

Si eseguono i trattamenti antifungini preventivi per pesco, melo e pero con poltiglia bordolese.

Si sparge la cenere di legna alla base degli alberi come fertilizzante ricco di potassio e fosforo.

Si potano gli alberi da frutta, e le siepi di lamponi vanno liberate dai vecchi rami per lasciar spazio ai nuovi di crescere ed essere legati alla spalliera retrostante.

I kiwi vanno protetti lungo il tronco e alla base con uno spesso starto di paglia.

Si possono fare trapianti di alberi da frutto: sia spostamenti di quelli presenti sia mesa a dimora di nuovi esemplari. Sempre che il terreno non sia gelato.

E’ stagione anche di impianto per le barbatelle della vite.

Non dimentichiamoci di controllare le verdure immagazzinate come zucche, carote, patate e cipolle. Se poste in sabbia verificare che quest’ultima si ancora umida.

Sistemate i semi in vasetti ordinatamente etichettati, dove l’umidità non li danneggi.

Ma soprattutto programmate le prossime semine studiando le rotazioni e le consociazioni più idone per la nuova stagione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...