sowandcrop

all around greens

Rabarbaro in cucina

2 commenti

Rabarbaro – Rhubarb

E’ tempo di raccogliere gli ultimi gambi del rabarbaro prima che le gelate di novembre lo rovinino irrimediabilmente.

Scartate le foglie perchè sono velenose, lasciatele in sito per le lumachine e per farle decomporre e arrichire l’orto di sostanza organica.
Una volta raccolti i gambi si devono lavare dai residui di terra e dalle lumahcine che non si sono ancora decise a scendere. Togliete anche i punti rovinati e magari leggermente molli.

Ora lo si taglia a cubetti grossolani e lo si tuffa in una pentola capace con un bel fondo spesso così durante la cottura non attacca.

Lo si lascia cuocere così senza aggiungere nulla fino a che non è diventato una poltiglia uniforme dove si intravedono ancora alcuni pezzi che però si sono ammorbiditi.

Da qui in avanti le variabili sono molte e devono rispecchiare i vostri gusti.

Si può spalmare direttamente su una crostata neutra appena sfornata e guarnire con zucchero di canna e limone. Rimettendo il tutto in forno per 15 minuti si avrà una bella caramellizzazione dello zucchero che si amalgama al rabarbaro sottostante.

Se amate il dolce e non troppo l’aspro del rabarbaro aggiungete alcune fragole e utilizzate la purea per guarnire torte, biscotti, crespelle dolci e magari un signor gelato alla crema o cioccolato.

Se invece siete più per il salato e vi piacciono le salsine per carni e formaggi, aggiungete ogni 500 gr di purea un bicchiere d’aceto scarso e un cucchiaio di zucchero, magari una cipolla bionda tagliata fine fine e una mela renetta a cubetti piccoli piccoli. Rimettete tutto sul fuoco per una mezz’ora e poi servite tiepida con un bell’arrosto di maiale o un cabaret di formaggi stagionati. Se siete vegetariani meglio delle scaloppine o dello spezzatino di soia, anche sul tofu niente male.

Se ne avete preparato più del dovuto o non avete tempo per proseguire, ponete la purea neutra in sacchetti per il gelo debitamente porzionato, nel freezer. Sarà lì pronto alla prima occasione!

Summery

It’s time to pick up the latest stalks of the season. Don’t eat the leaves, they are toxic.

Wash very well the stalks, cut them in pieces and put them in a pot with a thick bottom. Cook till they become  a puree with some soft pieces.

Starting from the puree, you have many possibility to use it.

You can add sugar or strawberry (to contrast the sharp flavour of rhubarb) and spread it on bread, biscuits, pancake or ice cream.

Or put the puree upon a cake just cooked with a light coat of sugar can and lemon juice, and turn the cake into oven for 15 min. so to have a delicious coat of candy.

For salt recipe: add onion cutted in thin slides and little cubes of apple, vinagre (a glass) and sugar (a table spoon); cook more for 30 min.  and leave it cool.  Serve with roasted pork meat or mature cheeses. If you are veg choose soya meat or tofu, it’ll be deligthful!

At the end, if you have prepared too much puree or had no time to continuous your recipe, put it into siutable bags and freeze it: it will be ready in any time!

Annunci

2 thoughts on “Rabarbaro in cucina

  1. What’s up, I read your blog daily. Your writing style is awesome, keep up the good work!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...